In primo piano Altre news

Altre news

1/02/2019

#INCLUSIONE: APPELLO PER UNA SOCIETA' MENO DISEGUALE PIU' APERTA E SOLIDALE.

Con crescente preoccupazione osserviamo come la convivenza fra cittadini italiani e cittadini stranieri stia scivolando dall’integrazione all’assimilazione, dalla regolazione del conflitto alla sua enfatizzazione, dalla fiducia alla paura, dall’inclusione all’emarginazione.


Eppure c'è un luogo che frequentiamo dove la convivenza e l'integrazione di culture, lingue, bisogni e speranze viene costruita giorno dopo giorno; è il luogo di lavoro: la fabbrica, la bottega, il negozio, la casa, la strada.


E questo avviene in un'Italia che invecchia; dove le condizioni di precarietà ed insicurezza del lavoro costringono anche all'emigrazione.


Ci preoccupa il clima di crescente sfiducia ed ostilità nei confronti delle organizzazioni che operano nell'aiuto e nel soccorso e delle organizzazioni ed enti che operano nella solidarietà, nell'accoglienza, nella promozione dell'inserimento sociale e lavorativo.


Temendo che il protrarsi di situazioni di conflitto finisca con l'erodere le basi della nostra convivenza e della nostra democrazia diviene urgente l'attivazione di iniziative per:
- la promozione dei corridoi umanitari;
- la programmazione e la gestione della migrazione economica e per lavoro;
- la costruzione di politiche di accoglienza, di sostegno e di accompagnamento al lavoro di chi si trova in situazione di fragilità e di disagio;
- la revisione delle norme e delle pratiche che ostacolano l'accesso al lavoro agli stranieri, ed ai disoccupati.


Per questo motivo facciamo un appello per poter iniziare a costruire con il contributo di tutti un percorso che ci conduca verso una società meno diseguale; più aperta e solidale.


CGIL CISL UIL Vicenza