In primo piano Altre news

Altre news

6/02/2019

CISL VICENZA PER LA SALUTE DEI CITTADINI in collaborazione con GLI AMICI DEL CUORE di Vicenza

Una volta al mese, nella sede di Cisl Vicenza in via Carducci, sarà possibile effettuare test gratuiti e ricevere consigli utili sugli stili di vita da seguire per prevenire le malattie cardiovascolari.


Fare sinergia per il bene dei cittadini: con questo obiettivo CISL Vicenza e l’associazione Amici del Cuore di Vicenza hanno stretto un accordo di collaborazione grazie al quale una volta al mese, presso la sede del sindacato berico in via Carducci, sarà possibile effettuare test gratuiti e ricevere consigli utili per la prevenzione delle malattie cardiovascolari. Più in dettaglio, a partire dall’11 febbraio e quindi il secondo lunedì di tutti i mesi, dalle 9.00 alle 11.30, infermieri professionali saranno a disposizione degli utenti, in un ambiente riservato, per la misurazione della pressione, della saturazione, dei battiti cardiaci, della glicemia e del colesterolo totale; inoltre potranno fornire consigli utili sugli stili di vita da assumere per prevenire malattie cardiovascolari. Il servizio sarà con accesso libero, e già dopo pochi minuti sarà possibile ricevere i risultati dei test effettuati. «Come sindacato - commenta Raffaele Consiglio - la salute dei lavoratori e in generale dei cittadini è un argomento che naturalmente ci sta molto a cuore, tanto più che si collega al tema più generale della qualità di vita degli anziani, ambito nel quale siamo particolarmente attivi con vari servizi. Si conferma inoltre la nostra volontà di lavorare in rete anche con le associazioni di volontariato, che rappresentano una grande ricchezza del nostro territorio».
«Continuiamo il nostro impegno - commenta Antonio Rigon, presidente dell’Associazione Amici del Cuore di Vicenza - per informare e sensibilizzare sulle malattie cardiovascolari, che rimangono una delle principali cause di morte nei paesi sviluppati. Il nostro obiettivo è quello di divulgare la cultura della prevenzione: lo stiamo facendo nelle scuole e volevamo ampliare il nostro intervento nel territorio, per questo abbiamo proposto l’iniziativa a Cisl che l’ha subito condivisa».