In primo piano Altre news Parlano di noi

Altre news

5/12/2019

9-18 dicembre 2019 SETTIMANA DI MOBILITAZIONE PER IL LAVORO


#PIÙLavoroCrescitaSviluppo
CGIL, CISL E UIL PER IL LAVORO, LA CRESCITA, LO SVILUPPO
Il Governo, con la manovra di Bilancio, non dà adeguate risposte ai temi del lavoro, della crescita e dello sviluppo.
In mancanza di interventi robusti a sostegno della crescita, degli investimenti, dell’occupazione e dei redditi da lavoro e da pensione, la manovra di Bilancio 2020 non riuscirà a modificare i deboli indicatori congiunturali, né a risollevare il sistema produttivo nazionale.
CGIL, CISL e UIL pur apprezzando lo sforzo del Governo alla ripresa del dialogo, ritengono insufficienti le risorse messe in campo nella manovra sui capitoli individuati nella piattaforma unitaria utili a far ripartire il Paese.
I risultati finora ottenuti sono il frutto dell’enorme partecipazione di lavoratori, pensionati e giovani alle iniziative di piazza avviate sin dallo scorso 9 febbraio e del successivo confronto con il Governo, ma non sono affatto esaustivi delle rivendicazioni unitarie.
CGIL, CISL e UIL ritengono che sia necessario dare continuità alla mobilitazione, per chiedere miglioramenti della manovra che sarà approvata definitivamente entro la fine dell’anno, ma anche per evitare che alcuni interventi vengano peggiorati per avviare una stagione di riforme, da condurre in porto già nei prossimi mesi e chiedere l’apertura di tavoli di confronto con il Governo.
CGIL, CISL, UIL indicono una settimana di mobilitazione Previste iniziative territoriali e assemblee nei luoghi di lavoro
Tre le manifestazioni nazionali
10, 12, 17 dicembre ROMA Piazza Santi Apostoli dalle ore 10.00 alle ore 13.00

10 dicembre – CRESCITA, INVESTIMENTI, INFRASTRUTTURE, OCCUPAZIONE, CRISI AZIENDALI E MEZZOGIORNO.
La mobilitazione è dedicata a Mezzogiorno, industria, servizi e sviluppo ambientalmente sostenibile, contro i licenziamenti, a sostegno dell’occupazione e delle vertenze aperte, per l’estensione degli ammortizzatori sociali, per la riforma degli appalti e dello “sblocca cantieri”.
LAVORO E CRESCITA
? Il lavoro si crea: per questo chiediamo più investimenti pubblici, che aumentino occupazione di
qualità e crescita, in un’ottica di sviluppo sostenibile.
? Vanno affrontate e risolte le gravi crisi aziendali che affliggono il nostro sistema produttivo,
che hanno pesanti ricadute sui livelli occupazionali, sulla crescita e sullo sviluppo del Paese.
? Vanno rifinanziati gli ammortizzatori sociali anche per tutto il 2020, prorogando la Cassa
integrazione straordinaria oltre i 24 mesi per aziende operanti in aree di crisi complessa, per
aziende che cessino l’attività o sottoposte a procedure concorsuali, per aziende con rilevanza
strategica.
? Le politiche attive devono rappresentare un livello essenziale di prestazioni per tutti i cittadini
su tutto il territorio nazionale.
? Va ripristinato l’assegno di ricollocazione per tutti i disoccupati e non solo per i percettori di
Reddito di Cittadinanza.
? Va rafforzato l’apprendistato di primo e terzo livello e qualificata l’alternanza scuola lavoro nel
sistema dell’istruzione e formazione professionale.
? Va rivisto lo “sblocca cantieri” per garantire trasparenza e responsabilità pubblica nella
gestione degli appalti e per tutelare lavoro e occupazione, salute e sicurezza.
? Chiediamo più prevenzione, più controlli, più formazione per la sicurezza e la salute nei luoghi
di lavoro.
INVESTIMENTI E POLITICA INDUSTRIALE
? Chiediamo che siano incrementati gli investimenti pubblici fino al 6% del PIL.
? Gli investimenti in infrastrutture materiali, digitali e sociali sono uno strumento fondamentale
di sviluppo sostenibile, innovazione e rilancio del Paese.
? Chiediamo anche importanti investimenti in infrastrutture energetiche e ambientali, nonché a
sostegno dell’economia circolare, a partire dal Green New Deal.
? Le opere infrastrutturali già programmate devono procedere ad una immediata
cantierizzazione o al loro completamento .
? Misure concrete e preventive sono necessarie per la messa in sicurezza del territorio e per il
contrasto ai disastri legati ad eventi sismici e al dissesto idrogeologico.
? Sollecitiamo una specifica attenzione e finanziamenti alle opere medio piccole, fondamentali
per lo sviluppo del territorio e il rafforzamento delle comunità locali e delle aree interne.
3
? L’Italia, seconda manifattura d’Europa, non ha una politica industriale. È necessario costruire
uno strumento di indirizzo e di coordinamento degli investimenti per salvaguardare il
patrimonio industriale e per individuare i nuovi settori di sviluppo.
? Chiediamo più investimenti per innovazione, digitalizzazione delle imprese, anche medie e
piccole e formazione per i lavoratori e lavoratrici.
MEZZOGIORNO
ü La manovra, pur riorientando e rafforzando gli interventi per il Mezzogiorno, si limita solo a
riallocare risorse già destinate, a volte riducendole (come il cofinanziamento nazionale dei
Fondi europei).
ü Chiediamo di rendere immediatamente operativa la clausola del 34% e monitorarne l’effettiva
applicazione.
ü Rafforzare le risorse da destinare ad investimenti in infrastrutture sociali.
12 dicembre – RINNOVO CONTRATTI, LAVORATORI E PRECARI NELLA P.A. E NELLA SCUOLA,
UNIVERSITÀ E RICERCA.
La manifestazione è indetta per chiedere il rinnovo dei Contratti pubblici e privati, il superamento
dei contratti pirata, la riforma e le assunzioni nella Pubblica Amministrazione.
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E CONTRATTI COLLETTIVI
ü Le politiche pubbliche debbono perseguire alcune leve di cambiamento e di innovazione
attraverso i rinnovi contrattuali, le nuove assunzioni, il superamento del precariato e le
relazioni sindacali partecipative.
ü Il fondo dei contratti dei dipendenti pubblici prevede per il 2020 un intervento di soli 225
milioni di euro che vanno ad aggiungersi allo stanziamento di 1 miliardo e 100 milioni del 2019,
ma sono chiaramente insufficienti per i rinnovi contrattuali.
ü Nello stanziamento complessivo di 3 miliardi e 175 milioni di euro previsto a regime per il 2021
manca la quota di risorse utile a stabilizzare il cosiddetto "elemento perequativo" che va
garantito.
ü Chiediamo l’adeguamento della normativa lavoristica pubblica e il riordino degli ordinamenti
professionali anche attraverso l’individuazione di soluzioni che rendano omogenei i
trattamenti fra lavoratori pubblici e privati (ad esempio, adeguamento normativo TFR/TFS;
orari per visite mediche; pagamento giorni di malattia; conciliazione vita/lavoro).
ü Occorre contrastare il fenomeno dei contratti pirata e dello sfruttamento del lavoro in
particolare nella filiera degli appalti a partire dalle misure contenute nel Decreto fiscale che
non possono essere depotenziate.
? ISTRUZIONE FORMAZIONE RICERCA
? L’istruzione, la formazione, la ricerca e l’ Università sono centrali per lo sviluppo, la democrazia
e la competitività del Paese, nonché per il contrasto alle disuguaglianze sociali.
4
? Servono misure concrete per l’abbattimento del tasso di dispersione scolastica e per l’aumento
del numero di studenti in possesso di diploma o di laurea.
? Colmare il deficit delle competenze della popolazione adulta.
? Rafforzare il raccordo della filiera istruzione-formazione-lavoro.
? Definire un piano di reclutamento e assunzioni straordinario pluriennale e stabilizzare tutti i
lavoratori precari del settore.
? Le retribuzioni del settore vanno adeguate ai livelli europei.
? Nella riserva tecnico economica a sostegno della contrattazione pubblica va inserita anche la
quota per realizzare la valorizzazione dei profili professionali del personale del comparto.
17 dicembre STATO SOCIALE, PENSIONI, RIFORMA FISCALE, NON AUTOSUFFICIENZA.
La Manifestazione è indetta sulla riforma fiscale per una redistribuzione a vantaggio dei lavoratori
dipendenti e dei pensionati e per ridurre significativamente il fenomeno dell’evasione, e per la
defiscalizzazione degli aumenti contrattuali, pubblici e privati; sulla previdenza, per un’effettiva
rivalutazione delle pensioni e per proseguire nell’opera di riforma della legge Fornero in un’ottica
di effettiva flessibilità verso il pensionamento; per chiedere un welfare più giusto e una legge sulla
non autosufficienza
FISCO
? Bisogna potenziare gli strumenti di prevenzione all’evasione fiscale e rafforzare gli organici
dell’Agenzia delle entrate per aumentare i controlli e recuperare il gettito sommerso.
? Vogliamo meno tasse su lavoratori e pensionati che già contribuiscono al gettito Irpef per il
95,5%.
? Occorrono molte più risorse per abbassare il carico fiscale nel triennio e bisogna subito aprire
un confronto per definirne la redistribuzione, anche ai pensionati. La progressività è il modello
delle nostre proposte per garantire un fisco equo e giusto.
? Le risorse messe a disposizione per il cuneo fiscale dei lavoratori dovranno essere aumentate
per consentire un reale incremento netto sulle buste paga e dovranno salire
significativamente oltre i 5 miliardi di euro previsti per il 2021.
? L’intervento sul cuneo fiscale dovrà essere accompagnato da una misura di detassazione degli
incrementi contrattuali, pubblici e privati, oltre che dei premi di risultato.
? L’intervento sul cuneo deve essere l’anticipazione di una più vasta riforma dell’Irpef che,
agendo su detrazioni, aliquote e scaglioni, rafforzi la progressività e riduca la tassazione su
salari e pensioni.
? Plastic tax e Sugar tax non realizzano gli obiettivi proposti, non tenendo conto dell’impatto
economico sui relativi settori produttivi e delle ripercussioni sull’occupazione: andrebbero
previste misure e tempistiche diverse in favore della sostenibilità e della filiera del riciclo, per
la giusta transizione.
5
PENSIONI
? Chiediamo la pensione di garanzia per i giovani e per i lavoratori discontinui, il riconoscimento
del lavoro di cura e dei carichi familiari in particolare per le donne, la tutela dei lavori usuranti
e gravosi, nonché la soluzione definitiva per gli esodati.
? Vogliamo il superamento della Legge Fornero, con flessibilità di uscita a 62 anni e la possibilità
di andare in pensione con 41 anni di contribuzione a prescindere dall’età.
? Quota 100 deve essere confermata senza peggioramenti fino al 2021.
? Occorre dare una risposta immediata a sedici milioni di pensionati con una effettiva
rivalutazione delle pensioni e con l'allargamento della 14a mensilità per sostenere le pensioni
più basse.
? E’ necessario incentivare e rilanciare la previdenza complementare, anche rafforzando le
agevolazioni fiscali.
WELFARE
? Occorre dare risposte ai bisogni sociali con investimenti su sanità, servizi sociali e istruzione,
definendo anche i livelli essenziali delle prestazioni. Per contrastare la povertà occorre mettere
in campo un sistema che preveda il rafforzamento delle reti sociali a partire dal potenziamento
dei servizi pubblici e degli Enti locali, nonché nuovi strumenti di natura economica.
? Chiediamo interventi concreti per affrontare la sfida socio-demografica ed il sovraccarico sulle
famiglie, promuovendo coesione sociale e crescita: gli interventi a valere sul Fondo per la
famiglia debbono essere specificati anche per far crescere l’occupazione femminile.
? Vanno rafforzati i congedi e i permessi a sostegno della genitorialità.
? Non bastano misure parziali, bonus, sconti o interventi transitori: ribadiamo la priorità di
approvare una normativa quadro di riordino e rafforzamento della rete dell’assistenza sociosanitaria
e di garanzia dei livelli essenziali; nonché misure strutturali per le persone non
autosufficienti, con risorse adeguate, come proposto unitariamente dalla manifestazione dei
pensionati.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Le tre manifestazioni vedranno protagonisti le delegate e i delegati dei lavoratori e
dei pensionati che al Governo e alle imprese vogliono porre i problemi dei rispettivi
luoghi di lavoro e di vita, avanzando le proposte contenute nella piattaforma
unitaria, già discusse nelle assemblee. È questa la strada per rendere protagonisti i
lavoratori, i giovani e i pensionati, i loro problemi e la loro capacità di proposta.
Chiediamo l’apertura di tavoli di confronto con il Governo.

SCARICA IL VOLANTINO

Settimana di mobilitazione per il lavoro 70x100

Calendario appuntamenti

Marzo 2020
LMMGVSD
      01
02030405060708
09101112131415
16171819202122
23242526272829
3031
Bottoni per il cambio del mese
|