In primo piano Altre news Appuntamenti in agenda

Altre news

11/07/2017

MORATO PANE: ACCORDO INTEGRATIVO FIRMATO

"Credo che questo risultato sia frutto di una trattativa difficile, con un ruolo di Fai CISL da protagonista anche grazie ad un buona relazione instaurata con la direzione aziendale negli anni, riesca a dare un risposta positiva ai tanti dipendenti Morato Pane anche a fronte del ritorno positivo avuto nelle assemblee con l'approvazione dell'accordo stesso". Questi i primi commendi di Daniele Zambon Segretario FAI CISL Vicenza in merito all'ACCORDO INTEGRATIVO firmato la scorsa settimana.

Il 6 luglio scorso dopo più di 8 mesi di trattativa è stato sottoscritto il rinnovo dell'accordo integrativo Morato Pane, fra le aziende più importanti nel panorama nazionale del settore della panificazione e leader a livello regionale per dimensioni e capacità produttive.

Il nuovo testo che parte da una base normativa consolidata negli accordi precedenti prevede alcuni elementi di novità: la parte relativa alla conciliazione vita-lavoro (con l'avvio, al punto benessere organizzativo, di una collaborazione con l'università di Padova) ma soprattutto il capitolo relativo alla gestione delle flessibilità produttive vero punto di confronto e discussione con l'azienda.


A fronte di una esigenza oramai imprescindibile di lavoro al sabato (l'azienda storicamente era strutturata sui 3 turni per 5 gg. lavorativi) per far fronte alle nuove e diversificate richieste di mercato.
Siamo riusciti a trovare il giusto equilibrio fra le richieste dell'azienda che inizialmente era partita da una posizione di forte liberalizzazione sul tema del sabato lavorato e un giusto riconoscimento ai lavoratori a fronte di un maggiore impegno.
Abbiamo introdotto dei limiti numerici nei vari punti che compongono il capitolo delle flessibilità produttive e al contempo migliorato notevolmente le maggiorazioni economiche.


Ultimo aspetto ma non meno importante un completa rivisitazione del sistema premiante che risponde da una parte alle nuove regole sulla defiscalizzazione, introduce il tema del welfare e migliora la contropartita economica con un valore complessivo del premio pari a  per il 1.400 € per il 2017 e 1.450 € per il 2018 (precedentemente il premio era riparamentrato in base al livello di appartenenza, adesso migliora di molto il valore per i livelli più bassi).